We have 386 guests online
22
Aug 11
Last Updated on September 22 2011

Nea Moni

Localizazzione

Nea Moni (Nuovo Monastero),che si trova nella regione centrale dell'isola di Chios, è uno dei piàù importanti monumenti bizantini in Grecia e un monumento di importanza internazionale. L'architettura del tempio principale è la ben nota struttura ottagonale tipica dell'isola, della quale esistono esempi oggigiorno solo a Chios e in Cipro. Fu costruita nell' undicesimo secolo (tra il 1042 e il 1056) ad onore dell'Assunzione della Vergine Maria.

Nea Moni venne fondato con una donazione dell'imperatore Costantino IX Monomahos e di sua moglie Zoe. Secondo leggende di monaci, l'imperatore fondò il monastero per predire che il suo bandimento da Lesbo fosse temporaneo e che sarebbe eventualmente tornato al trono. In seguito, i tre monaci scoprirono la miracolosa icona della Vergine Maria appesa ai rami di un mirto, e lì costrurono la chiesa originale del monastero. Più tardi, l'imperatore Monomahos rifornì il monastero con proprietà e redditi, qualcosa di insolito per il sistema finanziario bizantino. Attraverso gli anni, il monastero di Nea Moni divenne uno dei più ricchi e più noti monasteri dell'Egeo, essendo anche il centro religioso più importante di Chios. Sfortunatamente, l'occupazione turca segnò l'inizio del suo declino finanziario.

Gli edifici, stanziati nei circa 17000 m2 coperti dal monastero, sono di diversa natura. Il catholicon (chiesa principale) si trova nel punto centrale del monastero. Comprende la chiesa principale il nartece esterno e quell interno,ed è abbondantemente decorata con marmi e mosaici. Mentre l'imponente torre di difensiva occupa la arte oreintale del sagrato, il refettorio (Trapeza) è posizionato a sud ovest del catholicon. La cisterna seminterrata, che è consevata intatta, risale all'undicesimo secolo. Le rovine delle celle sei monaci possono a loro volta essere viste nel sagrato. Il monastero è circondato da un irregolare, muro perimetrico di pietra. Inoltre dentro il imiti di questo muro di pietra ci sono due piccoli templi, il Tempio della Santa Croce e il Tempio di Agios Panteleimonas.

Un' importante cartteristica del monastero sono i mosaici, fatti di pietre naturali multicolore, e una prova rappresentativa dell'austerità bizantina.Decorarono le mura sulla più alta superficie, la cupola e il nartece interno, la navata centrale e il sacro santuario. Risalnte all'undicesimo secolo, questo è una delle tre collezioni rimanenti lasciate in Grecia del periodo medio bizantino e si conserva in condizioni relativamente buone.

Sfortunatamente. il monastero fu ripetutamente distrutto nel XIX secolo. Nel 1822, fu derubato dai Turchi e fu seriamente danneggiato dal terremoto del 1881. Il sisma causò il crollo del duomo, del campanile, e di parte del santuario del Catholicon, come pure la distruzione di molti mosaici. Molti sforzi sono stati fatti per il restauro del monumento e la conservazione dei mosaici nel Catholicon nei tempi moderni. Nel 1875, Gregorios Foteinos, l'abate del monastero, si prese in carico ulteriori lavori di restauro nel Catholicon, e il suo saspetto esteriore fu completamente alterato. La cupola della chiesa, che crollò durante il terremoto del 1881, fu ricostruita nel 1900. I mosaici furono restaurati negli anni Sessanta. Da allora, il restauro è stato dato iniziato in molti edifici del complesso monastico in diversi tempi.

Oggi il monumento è utilizzato come convento di suore. Un edificio a due piani di celle è situato a Nord Ovest del Catholicon. È stato ricostruito e ora ospita il Museo con i rimanenti tesori del monastero. Nea Moni è incluso nel catalogo dei monumenti del patrimonio culturale internazionale dell' UNESCO. Dal 1995, programmi educativi per studenti tra i 12 e i 18 anni sono stati organizzati dal terzo Ephorate.

Per maggiori informazioni visita: www.neamoni.gr